Concluso il 1° Seminario dei Laici 2018-19 della Diocesi di Novara

Sabato 11 maggio, al Santuario del Santissimo Crocifisso di Boca, si è tenuto l’incontro conclusivo del Seminario dei Laici: il percorso proposto dal vescovo Franco Giulio come elemento caratterizzante di questo anno pastorale, nel quadro di quell’ampio “stato di formazione” cui ha chiamato l’intera Chiesa novarese nella dimensione di corresponsabilità tra laici e sacerdoti, elemento chiave del XXI Sinodo diocesano.

L’incontro, guidato dal Vescovo, si è aggiunto ai cinque sabati dedicati alla formazione che si sono tenuti – ciascuno in tre sedi diverse – durante gli scorsi mesi e che hanno visto la partecipazione complessiva di circa trecento persone, tra iscritti e docenti.

Mons. Brambilla ha ringraziato tutti i partecipanti per aver aderito a tale proposta formativa; si è così potuto realizzare un desiderio che aveva trovato spazio nell’ultimo Sinodo diocesano e che più concretamente era stato espresso nella lettera pastorale del Vescovo. La proposta dei cinque sabati, col titolo stesso della lettera Li mandò a due a due, è servita per imparare a “stare con il Signore” e “lasciarsi inviare da Lui” attraverso i quattro momenti (spirituale, pastorale, laboratoriale, esperienziale) che hanno scandito le giornate del seminario.

Il nostro Pastore rivolgendosi a ciascuno dei partecipanti ha così concluso: «Sono grato al Signore perché anche tu sarai una “pietra viva” per rendere la nostra Chiesa diocesana, in ogni sua Unità Pastorale Missionaria, una Chiesa in uscita, capace di annunciare e testimoniare il Vangelo del Signore Gesù».

Al termine della giornata, dopo l’intervento del Prelato e la celebrazione della S. Messa (dal Lui stesso presieduta), a tutti coloro che hanno frequentato le cinque giornate formative del Seminario è stato consegnato un attestato di partecipazione.

Attestato che hanno ricevuto anche i rappresentanti delle nostre parrocchie: Massimo Grava e Antonietta Pompilio per la parrocchia di Stresa; Gabriele Minoli e Vilma Burba rispettivamente per Someraro e Campino. (vb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *